Google+

mercoledì 6 luglio 2011

No TAV massacrato in val di Susa

Fabiano Di Berardino, Gianluca Ferrari e altri ragazzi sono stati massacrati di botte dalla polizia di stato in Piemonte in val di Susa, nel corso degli scontri successi alle manifestazioni contro la TAV.
Questa e la testimonianza di Fabiano, dimostra che il metodo violento massacrante che già si era visto nella notte del G8 alla scuola Diaz di Genova, continua ad essere praticato quando lo stato decide di eliminare l avversario con il terrore, infatti ora chi si azzarderà a continuare la manifestazione lo farà con la paura di essere malmenato con lesioni gravi o gravissime, è un calcolo ben studiato, un modo di "educare" con la violenza migliaia di persone perchè piu di questo non vogliono fare, anzi, in questo momento è quello che fanno con piacere come si può sentire nel video....
Spero solo di non vedere dei morti prima o poi di questo "sacco" delle bestie del capitale.

Aggiornamento del 7-7-2011: per verificare la TAV secondo l analisi che la Corte dei conti dello stato ha fatto, scaricate questo pdf.