Google+

giovedì 17 febbraio 2011

Come falsificare materialisticamente l Omeopatia e vivere felici

Come si può criticare l Omeopatia senza studiarla e senza guardare ai risultati clinici?
Come si può calunniare "scientificamente" e pomposamente i medici che la praticano, facendola franca?
Per certa gente basta un oggetto magico per la psiche, il PLACEBO e  una formula chimica che serve a stabilire quando una qualsiasi materia si dissolve totalmente quando questa si diluisce per un certo numero di volte, ideata da Amedeo Avogadro.
Basta vedere questo video 9 per capire come si possa con tanta semplicità falsificare l intera Omeopatia usando un punto di vista esclusivamente materialista, quando cioè non si vede e non si vuole vedere nientre altro che non sia tangibile e misurabile con i mezzi della scienza materialista.
Come ben sanno anche gli omeopati oltre alla diluizione 12CH non esiste piu materia secondo i criteri del materialismo scientifico...oltre sarebbe solo acqua, quindi per squalificare e denigrare l Omeopatia e chi la pratica,  basta dire che è acqua anche se una buona parte dei rimedi omeopatici è al di sotto di quella diluizione, facendo anche una gran bella figura visto che la grande massa delle persone crede a quello che sente e che vede nell immediato, oltre al proprio naso la "massa" non va mai.
Questa è una vicenda che nella storia della scienza si ripete volentieri...i ciarlatani che approfittano della incapacità di andare oltre il proprio naso della "massa" e i gonzi, gli sciocchi che ora si bevono per davvero, visto che si parla solo di acqua...ogni balla che si presume sia Scienza con la S maiuscola.
Nel video d esempio il gran cerimoniere dei moderni ciarlatani...anzi, meglio dire dei disinformatori vista l epoca informatica in cui viviamo, è il noto Paolo Attivissimo che presenta il suo ospite Salvo Di Grazia medico ginecologo, notoriamente sostenitore dell idea Omeopatia = acqua o zucchero, ovvero un farmaco illusorio, chiamato dai medici "placebo".
Mentre la platea che hanno di fronte, sono i gonzi, cioè i simpatizzanti dei conferenzieri, medici allopati avversi all Omeopatia e un giornalista del canton Ticino che ben volentieri si bevono tutta l "acqua" pseudo omeopatica prodotta in questa conferenza dedicata alle medicine alternative, in particolare all Omeopatia.
Con l oggetto magico placebo tutto viene spiegato, non si discutono di casi clinici riguardo all Omeopatia, non si dicono quali sono i principi secondo cui un medico omeopata cura, si fa credere nell esistenza di un "sonnifero omeopatico" (questo sarebbe il rimedio unitario Coffea cruda 9CH e 30CH) che una volta trangugiato in entrambe le diluizioni dal prode Attivissimo ovviamente non produce alcun effetto ipnotico, si parla sempre e comunque di acqua (con qualche molecola rimasta nelle basse diluizioni)) anche se nella pratica comune il rimedio omeopatico viene usato spesso sotto la 12CH , ma questo non conta nulla, tutto fa brodo per il duo Attivissimo Di Grazia, anzi...il rimedio al di sotto della 12CH viene dichiarato NON Omeopatia proprio perchè secondo Di Grazia l Omeopatia equivale ad acqua/zucchero in questo video 4, che cosa sia e a cosa serva una 9CH non si sa bene e nessuno di fronte a loro lo chiede, ma va bene cosi, l ha detto lui Di Grazia quindi deve essere vero per forza, come quando dichiara di fronte al popolo bovino che i meridiani non esistono a proposito dell agopuntura...tutti zitti e d' accordo, qualche risatina...è assodato ormai! dopo 2000 anni e più l agopuntura non ha ragione di esistere (per lo meno a Lugano), che genio quel ginecologo ospedaliero!!
A che serve studiare l Omeopatia se questa è un placebo, cioè acqua oppure zucchero?
Perchè parlare di casi clinici accertati....ma di quali casi clinici poi? portati da chi? quale sarebbe stato l omeopata cosi ingenuo nel finire in una conferenza di detrattori di professione verso l Omeopatia come quelli?
Nessuno appunto "contro" è stato fatto, nessun sostenitore dell Omeopatia si è sentito in tutta la conferenza, l unico appunto critico detto con molta pacatezza mi sembra sia stato quello del giornalista a proposito dell assurdo concetto espresso da Di grazia a proposito della dichiarazione del rimedio-placebo, quindi del finto rimedio, al paziente da parte dell omeopata.
Ma si badi bene, tutto questo non è stato fatto senza pararsi bene il sedere di fronte a possibili ritorsioni legali (anche se improbabili per le difficolta dovute alla faragginosità e lunghezza della legge italiana e dalla difficoltà oggettiva nel definire cosa può essere considerata calunnia) da parte di associazioni di omeopati, perchè il medico Di grazia si è ben guardato dall apparire contro l Omeopatia, non ha mai detto che i suoi colleghi medici sono dei venditori di fumo! (di placebo si però) non ha mai detto che sono dei truffatori! (ha "solo" detto che somministrano placebo per interesse economico).
Si guardi prego, il video 9 dal minuto 6 in avanti, Di Grazia sostiene l assurda ipotesi che un omeopata debba informare il proprio paziente che quello che sta assumendo è un placebo, un finto farmaco, ma poi dice chiaramente che questo non si fa per interesse economico da parte degli omeopati e anche dei farmacisti che vendono l omeopatico, lui  e Attivissimo dichiarano candidamente che nel caso dell Omeopatia  o di altre medine alternative il placebo non viene dichiarato per fini economici, non  come in allopatia in cui è usato sperimentalmente o per fini di pietà umana, cioè per casi estremi.
Quindi secondo questi due, l omeopata o il farmacista, mentirebbe sapendo di mentire per il proprio guadagno usando/vendendo omeopatici che loro definiscono solo ed esclusivamente placebo, piu chiaro di così...
Cos è questa se non calunnia mascherata in modo apparentemente scientifico!?
Chi andrebbe da un medico omeopata dopo aver seguito questa conferenza e non sapesse altro dell Omeopatia, oltre a questo? Nessuno, nemmeno io!