Google+

domenica 26 febbraio 2012

FEMEN vs sistema moda

Le FEMEN sono ritornate da poco in Italia a Milano, ieri sera hanno fatto un azione di protesta di fronte all luogo dove si teneva la sfilata di Versace, erano presenti Inna, Sasha e Oksana con cartelli che paragonavano la moda al fascismo, FASHION = FASCISMO c era scritto con le due S fatte con la stessa grafica delle "SS" tedesche, cioè le arcinote "Squadre Speciali" della Germania durante la seconda guerra mondiale. Sotto trovate il video della giornalista Kitty Green e una foto, per vedere le altre foto e leggere il loro comunicato, vi invito ad andare nel loro blog.




Da sinistra: Oksana, Sasha e Inna

Le FEMEN accusano il sistema moda di fascismo, cioè accusano la moda di essere un sistema totalitario di destra, accusano la moda di produrre un immagine che promuove l anoressia perchè vuole dei modelli come dei manichini, come merce che si vende, come puttane in un bordello.
Mi complimento subito con loro per l attenzione su un importantissimo sistema di immagine, in particolare in Italia e cerco di descrivere il loro pensiero dal mio punto di vista. 
Prima di tutto parlare di fascismo è certamente efficace per allarmare e scuotere gli animi, più efficace che parlare di capitalismo...i capitalisti poi sono "invisibili", si occultano dalle piazze, dalle bandiere...loro se ne fregano di me e delle FEMEN, sono gente che lavora...LORO....ogni giorno c è qualcuno che si lamenta del sistema capitalistico...e quindi come si fa ad urlare contro il capitalismo in una piazza senza fare addormentare la gente intorno? Allora dagli contro ai fascisti! (nella città dove il fascismo è nato), è più efficace, non distingue esattamente il capitalismo dei padroni della moda ma....è più efficace per il popolo e la stampa.
Io preferisco ripetere due parole, capitalismo e sistema, di sistema parla anche Roberto Saviano quando parla di Mafia & Co, di sistema di corruzione-concussione si parlava ai tempi di "mani pulite" a Milano con il magistrato Antonio Di Pietro come uomo simbolo, è un sistema anche quello della moda, un sistema che lontano dalle passerelle è assai grigio, asettico e anche mortale come ogni sistema capitalistico, a questo proposito si veda il video contenuto in questo articolo ;)
Il problema di chiunque manifesti contro il capitalismo è l inefficacia dell identificazione del "nemico", mi spiego, se uno va a Roma ad urlare contro i fascisti basta che usi dei nomi noti, ad esempio "Casa Pound" "Forza Nuova", ma il capitalismo con cosa lo identifichi mentre te ne stai con un cartello in mezzo ad una piazza? Hanno forse un identità e un modo vivere i capitalisti come ce l hanno i fascisti e i comunisti?
Quante risate si saranno fatti quelli che reggono il sistema moda vedendo (se per caso hanno avuto la fortuna di trovare un giornale che parli di loro in modo non folkloristico) queste FEMEN!  A confronto di chi manifestava anni fa con delle pellicce insanguinate contro la pellicceria nella moda, saranno sembrate quasi delle signorine ben educate....loro arrivano, strillano, mostrano i cartelli e se ne vanno...un fenomeno folkloristico dal punto di vista del sistema moda e dei loro giornalisti.
Ieri sera le FEMEN hanno lottato contro il ben noto fantasma grigio che tutti dicono di aver visto o credono di sapere che cosa sia, un fantasma che ieri si presentava con le sembianze carine della moda, una battaglia coraggiosa a pugni nel vento, sob!
A me basterebbe vedere delle modelle strafighe per davvero e non degli appendi biancheria, dei manichini con la faccia incazzata, questo! è uno dei punti in cui odio di più il sistema moda, che per me è il solito capitalismo del cazzo (un cazzo folle) e la manifestazione delle mie adorate ucraine non muterà questo modo folle di usare le persone nelle agenzie e sulle passerelle.
Le FEMEN hanno fatto quello che hanno potuto, vanno ammirate anche per questo gesto che un bravo capitalista in giacca e cravatta definirebbe cinicamente come "poco produttivo".

FEMEN nel mio Evernote
FEMEN nel mio Pinterest