Google+

mercoledì 11 aprile 2012

Intervista del TG1 sull omeopatia al dott Francesco Marino della FIAMO



Questa è l intervista che la giornalista Manuela Lucchini del TG1 ha fatto al dott Francesco Marino, medico omeopata unicista vicepresidente della FIAMO il 14 marzo di questo anno.
In questa intervista vengono anche presentate tre riviste, una di queste è "il granulo" la stessa che io ripubblico su questo blog, la potete trovare alla pagina "Mappa del blog" nella categoria Omeopatia.
Il dottore risponde alle domande proposte in precedenza alla redazione del TG1 dai telespettatori mediante internet, domande su ogni patologia della salute umana, dalla più semplice alle malattie croniche di vario tipo come le allergie, la celiachia, l artrosi, l asma, il cancro.... le malattie della psiche  dove molte persone sono in cura con psicofarmaci, a questo proposito il dottore spiega bene il modo di operare di un omeopata con un paziente che segue cure psichiatriche, l iniziale integrazione dell omeopatico con lo psicofarmaco e poi gradualmente la diminuizione e la eliminazione dello psicofarmaco che viene sostituito completamente dall omeopatico.
Ritengo che sia un ottima intervista per introdurre l omeopatia ai più e per informare sulle ultime attività dell associazione di medici omeopati FIAMO. Il dott Marino dice all inizio di questa intervista che la loro associazione ha proposto nel loro convegno a Chianciano una regolamentazione della professione di questa medicina per aiutare soprattutto i pazienti nel trovare un medico veramente preparato. E questo è il punto fondamentale! Chi va da un omeopata deve essere certo di chi incontra, mentre al giorno d oggi tanti vanno da diversi medici che magari pasticciano soltanto con l omeopatia.
Senza una regolamentazione chiara e ampiamente concordata su questa professione, ogni risposta positiva che sentirete in questo video è destinata a diventare per molti malati solo un sogno irraggiungibile, per cui esorto chiunque abbia seriamente intenzione di affidarsi all omeopatia, alla lettura dei libri basilari dell omeopatia come l "Organon" di Hahnemann, alla lettura della rivista sopra citata e a conoscere le persone che la conoscono, per imparare a distinguere il buono dal pressapochismo o dalla cialtroneria vera e propria.