Google+

lunedì 10 agosto 2015

Deframmentare Windows 10 senza problemi

Il nuovo Windows 10 è arrivato da poco, più efficente dei precedenti ma con molti difetti di gioventù da correggere nei prossimi aggiornamenti e alcuni punti negativi che c erano già prima di questo sistema, uno di questi è senza dubbbio la eccessiva frammentazione dei file all interno del disco meccanico (HD) in cui, di solito, è installato Windows.
Una delle lamentele che riguardano Windows, è la lentezza del sistema dopo un certo utilizzo.
L eccessiva frammentazione dei file (oltre il 5 %) provoca un rallentamento delle prestazioni in un PC dotato di disco meccanico, non è la sola causa del rallentamento, ma sicuramente è una delle pricipali. Questa infinita grana di Windows si può risolvere abbastanza facilmente  con lo strumento di deframmentazione all interno di questo sistema.
Per usare questo strumento basta scrivere "deframmenta" nel motore di ricerca di Cortana, presente in basso a sinistra.
Cliccando sulla soluzione proposta nel PC, apparirà questa finestra sotto:


Usare questo ottimizzatore è molto semplice, basta selezionare il disco in cui è presente il sistema (normalmente è C), cliccare su "Analizza" e poi su "Ottimizza". In vari passaggi, il disco sarà deframmentato e ricompattato.
Faccio notare che Windows ha l automatismo dell ottimizzazione già attivato. Consiglio di disattivarlo subito perchè rischierebbe di rallentare il PC in periodi prefissati senza nessun avviso all utente, magari proprio in momenti poco opportuni. Come si vede dall immagine, dopo la disattivazione si ottine la scritta "Disattivata" in basso a sinistra.
Dall uso che ho fatto mi sembra uno strumento eccessivamente lento e con la mancanza di una reale percentuale di deframmentazione residua (come si vede, è indicato uno 0%, ma non è un valore reale).
Meglio Smart defrag, è più rapido e completo, consente anche di deframmentare in automatico i file che si possono deframmentare solo all avvio del sistema.

I "dischi a stato solido" (SSD) non devono essere deframmentati allo stesso modo e con la stessa frequenza. Prima di tutto perchè non sono costruiti come i dischi meccanici e perchè si usurano più rapidamente dei dischi meccanici con la scrittura. Per questi "dischi" c è un ottima soluzione, Mydefrag, un deframmentatore che ha un opzione fatta apposta per questo tipo di memorie, da usare raramente come consiglia il suo autore.

NB: chi ha Windows 7-8-8.1 può fare l aggiornamento gratuito scaricando il 10 con l aiuto di questa pagina.