sabato 26 dicembre 2020

L' Ivermectina per curare il temutissimo Covid-19

Grazie al Dr Divago, oggi sono venuto a conoscenza dell esistenza di un gruppo di medici americani di elevatissimo spessore scientifico che studia il temutissimo Covid-19 e dell ivermectina, si tratta del video che ripubblico qui sotto. In questo video il dott Pierre Kory, davanti alla commissione del Senato per la sicurezza interna e gli affari governativi, ha tenuto un'audizione su "Trattamento ambulatoriale precoce: una parte essenziale di una soluzione al COVID-19"....come dice la pagina che origina questa importante notizia.


Il DR Divago traduce e commenta le parole di questo medico, facendo notare che si tratta di una notizia non diffusa in Italia, quindi nascosta a tutti o quasi. Alla faccia di quelli che le notizie non vanno a cercarsele perché si accontentano di bersi quelle ufficiali, gradite dalla politica.
Oltre a questo ho voluto approfondire, trovando una pagina che descrive questa medicina in modo veramente molto sintetico e chiaro, questa che consiglio.
Allora..io so da tempo che questo tipo di infezione viene curata senza drammi, cioè in modo efficace, da tanti medici omeopatici unicisti anche se molto in sordina, spesso al telefono o con teleconferenza.Tutti sanno che in pochi giorni, con delle trasfusioni di plasma, è stata guarita in Italia dall dott De Donno e che poi  sono state fatte sparire in modo "burocratico"....Poi c è l ozono con autoemotrasfusione, non autorizzato nel trattamento domiciliare come sarebbe opportuno per la sua efficacia (vedi questa circolare del ministero della salute).
Insomma, non ci vuole molto a capire che i soliti noti e chi li manovra dietro il teatro democratico, ci hanno voluto fregare già da tempo e che ci stanno riuscendo molto bene. 
Per parte mia, con la conoscenza della medicina omeopatica che conosco e uso personalmente da decenni e vedendo gli effetti collaterali che è in grado di procurare anche questa "miracolosa" ivermectina (come tutti i farmaci allopatici), direi che io non mi ci butterei a pesce se fosse disponibile in ogni farmacia e ospedale....ringrazio tanto che questa esista e anche questo youtuber molto attento e bravo a comunicare...ma ripeto, io non mi ci butterei, anche perchè dove la troverei in Italia se la volessi!? In questo momento c è a livello spermentale, vedi qui e poi ci sono altre iniziative o delle cure molto particolari in giro per l Italia, non c è ancora la disponibilità e la competenza da parte dei medici paragonabile a qualsiasi farmaco di uso comune, per avere la possibilità di fare prevenzione e cura con il Covid-19 come si fa con altre infezioni.

Però se c è qualche fanatico del progresso scientifico o addirittura uno scientista, disposto a fare da cavia durante una sperimentazione con placebo, spero che abbia la possibilità di "andarsene a quel paese" con la soddisfazione di aver preso del placebo senza saperlo per il progresso della scienza!
Chi si offre per primo tra i vari debunker italici!?

Aggiornamento del 28/12/2020:
Oggi scopro con sorpresa che non devo pubblicare dei contenuti segnalati come offensivi per gli utenti di Facebook in questo articolo, prima ancora di averlo condiviso su Facebook o su altri social e con pochissime visualizzazioni!
Infatti ho cercato di condividere su Facebook questo post il giorno dopo averlo pubblicato, semplicemente perchè non avevo tempo prima e scopro che....guardate la foto dello schermo che metto qui sotto, cliccate sopra per ingrandire!



Mi ero già accorto che c erano degli articoli che stranamente non avevano visualizzazioni come gli altri in passato, ora ho la conferma che, non solo il proprietario di Blogger, cioè Google, non gradisce certe cose, anche se dette in modo distaccato e in minima parte satiriche....ma anche Facebook! Il quale sembra avere facoltà telepatiche, preventive! Come fa questo a sapere dai suoi utenti che questo articolo contiene contenuti offensivi al suo interno se io e nessun altro da ieri (c è un contatore delle condivisioni di fianco al pulsante di condivisione sotto l articolo) ha fatto nulla per inviare l articolo all interno di Facebook!?
In passato non c è mai stato questo problema e io pubblico molto poco.
Mi sembra evidente che sono state individuate certe parole scomode in modo istantaneo, ad esempio "Covid", durante la condivisione per bloccare l invio dell articolo e poi mi è stato fatto credere che l articolo contiene contenuti offensivi segnalati da altri utenti!
Anche in un piccolo blogghino come questo con rare pubblicazioni, non sfugge agli "amici degli amici"!

Aggiornamento del 30/12/2020:
Diversamente da quello che credevo due giorni prima, Facebook ha bloccato qualsiasi articolo proveniente da questo blog, infatti ho provato a inserire il link dell articolo successivo a questo sulla mia pagina Facebook, ma mi hanno bloccato perchè secondo loro io farei spam di cose che loro non consentono e quindi in modo censoreo totale, nessuno può condividere nulla con l indirizzo di questo blog su Facebook e nemmeno inserire il link!