Google+

venerdì 11 febbraio 2011

Curare le irregolarità mestruali con l Omeopatia

Ho trovato questo articolo sulla cura delle irregolarità mestruali che ritengo molto interessante, non sapevo ad esempio che un 2% delle donne che sospendono la pillola hanno un amenorrea e non avevo idea di come si potesse curare una donna per quei particolari problemi femminili con l omeopatia unicista, questi che presento sotto sono degli stralci trovati nell articolo su Informasalus.it di Pietro Giulia, per chi volesse leggerlo per intero, basta cliccare sul link sotto.
Amplify’d from www.informasalus.it
dolori mestruali
La rivista Homeopathy ha recentemente pubblicato un pregevole e ben strutturato lavoro clinico del collega Paolo Cardigno, del Dipartimento Scientifico della FIAMO. Titolo originale dell'articolo: Homeopathy for the treatment of menstrual irregularities: a case series (Homeopathy (2009) 98, 97-106). Il capitolo affrontato nello studio di Cardigno comprende un gruppo di condizioni patologiche molto frequenti in clinica: per esempio, secondo studi citati in bibliografia, il 52% delle adolescenti che si rivolge ad un ginecologo presenta amenorrea secondaria e il restante 42% accusa oligomenorrea!
Quali i risultati effettivamente raggiunti?

Nelle 8 donne affette da amenorrea secondaria le mestruazioni sono ricomparse, in media, dopo 58 giorni dall'inizio della cura omeopatica; considerate tutte le 18 donne, l'evento si è verificato in media entro 46 giorni. Il 50% (4 su 8) delle pazienti con amenorrea ha visto ripresentarsi un regolare ciclo ovulatorio; il 12,5% (1 su 8) è rimasto amenorroico. Il 33,3% (2 su 6) con OL-AM ha ripristinato cicli regolari; il 100% con OL (2 pazienti) e HRT (2 pazienti) riebbe il ciclo naturale.

Se la frequenza di cicli spontanei/anno pre-trattamento omeopatico era di 4,3, con la cura omeopatica è diventata di 9,6 cicli/anno alla fine del periodo di follow-up, vale a dire un raddoppio del numero medio di cicli spontanei.
Nella maggioranza delle pazienti arruolate le caratteristiche del flusso sono state normali; solo in 3 casi si sono verificate alterazioni significative (spotting premestruali e ipomenorrea in 2, metrorragia in 1), ma solo nel primo anno di trattamento.

Inoltre, tutte le 18 pazienti presentavano concomitanti al problema ginecologico altre importanti condizioni cliniche quali: acne, distiroidismo, sindrome bipolare, bulimia, obesità, disturbi ossessivo-compulsivi, fobie, rino-congiuntivite allergica, verruche, ipertricosi, cefalea, ecc. Tutte queste condizioni concomitanti rispetto all'aspetto ginecologico, oggetto precipuo dello studio, sono state curate o marcatamente migliorate (solamente nel caso della paziente con disordine ossessivo-compulsivo si è registrato un aggravamento): prova che la cura omeopatica classica con rimedio unitario determina una guarigione globale, non solo un'attenuazione o remissione di una patologia localizzata.
Concludiamo con alcune delle considerazioni finali esposte dall'Autore, che consideriamo del tutto condivisibili:
il corretto medicinale omeopatico unitario individualizzato ha un'azione totale, sistemica e non solo d'organo o d'apparato;
spesso, nella pratica quotidiana i sintomi specifici dell'irregolarità mestruali non sono i più utili per la diagnosi del corretto medicinale omeopatico, la cui selezione si basa sulla totalità dei sintomi caratteristici del singolo caso; i trattamenti farmacologici convenzionali - spesso gravati da effetti collaterali - possono risolvere un'amenorrea, ma non sono in grado di favorire ovulazioni spontanee regolari e cicli mestruali spontanei regolari; per raggiungere un tale obiettivo, cioè il ripristino di regolare ciclo mestruale spontaneo, è necessario che il trattamento omeopatico sia effettuato con regolarità, in maniera continuativa, per almeno 8-10 mesi. Una volta raggiunto il risultato, cioè ripristinata la regolarità mestruale, può venire meno anche la necessità di trattamento omeopatico continuativo;  le irregolarità mestruali riconoscono, talvolta, un'identificabile causa patogenetica; più spesso sono il risultato di una complessa e sistemica compromissione della capacità d'auto-regolazione dell'organismo. Secondo questa valutazione la cura omeopatica unicista individualizzata, capace di stimolare l'organismo a recuperare l'equilibrio psico-fisico alterato, risulta un'efficace ed affidabile alternativa ai trattamenti ormonali proposti dalla medicina convenzionale.
Read more at www.informasalus.it